Continuo a mutare pelle, trasformo il riflesso dello specchio, ostinatamente cercando la mia parte più vera.
A proteggermi, le mie debolezze, la fragilità più forte, che, esposta, è il mio unico salvagente. Quello che mi sa riportare all’ equilibrio, come un acrobata sul filo, ondeggiante tra una storia passata e quelle che, pur non mie, sento dentro. E allora, per non farmi sopraffare, esco da me, mi vado a cercare, per esserci solo quanto serve, e poi, salvarmi un po’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...