Ieri è tornato un po’ avvilito dalla distanza che devono mantenere lui e i suoi compagni a scuola. Si adegua, comprende che è importante e segue le istruzioni, ma è dispiaciuto. “Mamma, non possiamo neanche disegnare insieme! E sai, non posso neanche raccogliere una matita del mio compagno, ognuno deve pensare SOLO alle sue cose, neanche si può prestare la gomma. Non mi piace tanto così.”

Stamattina era in crisi, triste e un po’ insofferente.

Oggi pomeriggio è tornato allegro, e con un ginocchio sbucciato. “Mamma abbiamo corso in cortile, con le mascherine, ma abbiamo corso fortissimo. E sono caduto. Ma vabeh, non mi sono rotto un osso. Vero? “

E a me, quel ginocchio sbucciato ha messo allegria. Un piccolo segno di normalità bambina, preziosissima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...