La storia nel nome.

imageMi piace il mio nome, è breve e ha un bel suono, mi riconosco nella decisione della ” d” iniziale, che scivola nelle tre lettere seguenti, lasciando traccia ma divenendo più dolce all’orecchio. Mi ricordo bambina, fiera del mio nome straniero, unica porta su dei ricordi senza memoria, un legame con un’identità altra, specchio di qualcosa di indefinito e potente.
Quando seppi che l’aveva scelto mia madre, in India, l’ ho amato ancora di più; mi ci sono aggrappata con disperata forza, nell’ idea che potesse restituirmi un’appartenenza definita, e la dolcezza che fosse stato scelto, proprio per me, mi ha cullato in molte notti. Che non sia stato cambiato o accompagnato da altri nomi è un omaggio, fatto a chi mi ha dato la vita, anche se poi non mi ha accompagnato ad attraversarla. E questo piccolo nome, è come il simbolo di una staffetta, tra due vite, due modi di amare e la consapevolezza che ho in me lo spazio per entrambi; e la serenità che, questa assenza di radici (non affettive, ché quelle, preziose, le ho forti e sicure), di un riconoscersi nello sguardo sicuro di chi sa, di che terra è figlio, sia infine una forza, piuttosto che una mancanza.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...